UREPA - Centro di Formazione Medica
Non perderti nulla. Seguici.
CENTRO DI FORMAZIONE MEDICA AUTORIZZATO AMERICAN HEART ASSOCIATION
SUPPORTO WHATSAPP +39 3930125426
SEGUICI
Top

Cosa fa un operatore BLS?

L’operatore BLS (acronimo di Basic Life Support) è una figura fondamentale per incrementare la sicurezza della comunità in situazioni di pericolo per la vita umana. Questa figura, infatti, sa eseguire alcune semplici ma essenziali manovre salvavita. Conosce in particolare le tecniche della rianimazione cardio-polmonare, da effettuare per sostenere i parametri vitali in caso di arresto cardiaco improvviso.

Ci sono poi gli istruttori BLS, ovvero degli operatori abilitati ad insegnare le manovre di primo soccorso da eseguire su persone in arresto cardiaco. Il compito degli istruttori è insegnare ad intervenire in modo sicuro e senza il rischio di arrecare danno in situazioni di estrema necessità.

Come si diventa operatori o istruttori BLS

Per avere queste qualifiche occorre ottenere una certificazione (valida 24 mesi), e quindi portare a termine un corso apposito. In questi percorsi formativi, oltre alle manovre fondamentali per la rianimazione cardio-polmonare, viene insegnata anche quella da eseguire in caso di ostruzione delle vie aeree. Esiste poi il corso per operatore BLSD che si occupa altresì di istruire i candidati sul corretto utilizzo del defibrillatore semiautomatico esterno.

La partecipazione a questi corsi consente di ottenere le competenze che gli operatori, sanitari e non, sono tenuti ad avere per diventare soccorritori secondo le norme dell’Italian Resuscitation Council (IRC). Non sono richiesti prerequisiti particolari, anche se è preferibile che il candidato abbia almeno 16 anni compiuti.

In cosa consiste il protocollo BLS

Per capire esattamente cosa fa un operatore BLS, occorre spiegare in cosa consiste il relativo protocollo. Esso prevede una sequenza ben definita di azioni, da attuarsi quando una persona viene colpita da un arresto cardiaco. Molto spesso questa sequenza di manovre è chiamata “catena della sopravvivenza”. Questo poiché la corretta esecuzione di ogni azione aumenta la probabilità di successo della successiva, e quindi della sopravvivenza dell’individuo. La “catena” è formata da quattro “anelli”, i primi due sono solitamente quelli in cui l’operatore BLS è protagonista.

  • Il riconoscimento precoce e la chiamata di aiuto. In questa fase il soccorritore valuta la sicurezza dell’ambiente, riconosce i sintomi dell’arresto cardiaco e poi si occupa di chiamare il 118.
  • La rianimazione cardio-polmonare precoce, eseguita anche da un operatore BLS non sanitario, utile per garantire almeno un minimo flusso di sangue che faccia guadagnare tempo.
  • La defibrillazione veloce per rianimare il cuore (non sempre attuabile).
  • Il soccorso avanzato e il trattamento post-rianimatorio, che viene messo in atto dagli operatori sanitari che saranno sopraggiunti sul luogo.

L’importanza della conoscenza del protocollo per il sostegno di base alle funzioni vitali

L’attuazione di questo procedimento è volta al preciso scopo di aumentare le probabilità di sopravvivenza della persona, preservando la vitalità delle cellule dell’organismo, soprattutto quelle cerebrali. Queste ultime, in particolare, rischiano di andare incontro ad ipossia, ovvero alla morte per mancanza di ossigeno, in pochi minuti. Infatti, in assenza di respirazione, i tessuti del corpo non vengono ossigenati e le cellule si devitalizzano. Man mano che il processo di morte cellulare progredisce, le possibilità di sopravvivenza e quelle di un recupero funzionale completo diminuiscono (del 10% per ogni minuto che passa).

Proprio per questo un operatore BLS può rivelarsi fondamentale in ogni situazione. Conoscere l’esatto procedimento da seguire, per quanto basico, è una buonissima cosa. Sebbene non ci sia una garanzia della buona riuscita dell’intervento, si può in ogni caso guadagnare tempo prezioso, fino a salvare davvero una vita umana. Stiamo quindi parlando di un protocollo importantissimo: le competenze salvavita di un operatore BLS sono decisamente preziose.

Il nostro corso per operatore BLS

Noi di U.R.E.P.A. vogliamo che queste pratiche di rianimazione si diffondano nella comunità in modo capillare. Questo consentirebbe di aumentare il numero di persone in grado di supportare la vittima di un arresto cardiaco in modo esaustivo e tempestivo. Non sempre i soccorsi sanitari arrivano in tempo, ma ogni persona, pur se non professionista, ha la possibilità di salvare la vita ad un’altra semplicemente attuando determinate manovre.

Per tutte queste ragioni proponiamo numerosi corsi formativi che permettono di aiutare diverse tipologie di pazienti in differenti situazioni. Tra i nostri corsi ci sono anche quelli per operatore BLS ed operatore BLSD. Quest’ultimo consente di imparare ad utilizzare correttamente il defibrillatore in caso di emergenza. Tutti i nostri corsi sono tenuti da docenti altamente qualificati e consentono di ottenere un attestato di completamento. Chiunque desideri diventare un operatore BLS può contattarci per ottenere maggiori informazioni.

Registrati

Reset password