UREPA - Centro di Formazione Medica
Non perderti nulla. Seguici.
CENTRO DI FORMAZIONE MEDICA AUTORIZZATO AMERICAN HEART ASSOCIATION
SUPPORTO WHATSAPP +39 3930125426
SEGUICI
Top

Il primo soccorso in caso di incidente stradale

Durante la guida è sempre necessario essere prudenti. Purtroppo, però, gli incidenti possono capitare a chiunque, anche ai guidatori più accorti. In queste situazioni è opportuno sapere come agire e come comportarsi. Con questi presupposti andiamo a vedere quali sono i metodi da mettere in atto per il primo soccorso in caso di incidente stradale.

Un suggerimento da non sottovalutare

Prima di tutto, nel caso si tratti del sinistro di altre persone, sarà doveroso avvicinarsi al luogo dell’incidente con estrema attenzione. Si dovrà accostare in sicurezza, senza creare ulteriori situazioni di pericolo. Sarà opportuno scendere dall’auto facendo molta attenzione e, possibilmente, indossando il gilet catarifrangente. Quest’ultimo va usato soprattutto in assenza di luce.

Una volta scesi sarà necessario chiamare tempestivamente il 118. È risaputo che più velocemente arriveranno i soccorsi più alta sarà la possibilità di salvare le vite altrui. Dopodiché si potrà procedere eseguendo le manovre del primo soccorso in caso di incidente stradale.

Non peggioriamo le cose

Intanto che si aspetta l’intervento dei sanitari, bisognerà prendersi cura della vittima dell’incidente e cercare di tranquillizzarla in tutti i modi. Se la persona non risponde, potrebbe essere priva di sensi o sotto shock. In questo caso si dovrà prendersene cura, ma con molta cautela per evitare di peggiorare la situazione.

Il ferito, secondo le indicazioni del Ministero della Salute sul primo soccorso in caso di incidente stradale, non va mai spostato. Chiaramente è possibile spostarlo in una situazione di grave pericolo, ovvero quando la sua vita è minacciata da un qualsiasi altro evento.

Il kit di emergenza per il primo soccorso in caso di incidente stradale

In caso di ferite gravi e/o profonde, il consiglio è quello di cercare nella propria auto (o nell’auto coinvolta nell’incidente) il kit per il pronto soccorso. Al giorno d’oggi, ormai, le auto sono quasi tutte dotate di tale kit. Pertanto, è necessario mantenere la calma e andare a cercarlo.

Se la ferita sanguina vistosamente, sarà utile esercitare una pressione diretta con una benda. Questo metodo di primo soccorso in caso di incidente stradale sarà determinante per rallentare la fuoriuscita di sangue.

Cosa fare se l’emorragia è arteriosa?

In questa eventualità bisognerà agire senza indugi, perché la vita della vittima sarà nelle mani del primo soccorritore. Il consiglio è quello di chiamare i soccorsi in un secondo momento, ovvero, subito dopo aver bloccato la fuoriuscita di sangue.

L’uso del triangolo insieme al primo soccorso in caso di incidente stradale

Un’altra cosa importante sarà quella di recuperare nel vano portabagagli il triangolo di segnalazione del pericolo, che andrà posizionato qualche metro prima dell’incidente. Questa accortezza servirà per fare in modo che le auto che sopraggiungono capiscano che è bene rallentare per evitare ulteriori impatti.

Devo fermarmi per forza? Cosa dice la legge a riguardo?

Chiunque si trovi davanti ad un incidente, anche se non è coinvolto e non ha causato il sinistro in prima persona, deve obbligatoriamente soccorrere le persone ferite. L’omissione di soccorso è punita con la reclusione fino ad un anno e con una multa fino a 2500 euro (Articolo 593 del codice penale).

La rianimazione cardio-polmonare durante il primo soccorso in caso di incidente stradale

A seguito di un incidente stradale è possibile trovare una persona in arresto cardiaco. In questi casi è opportuno eseguire la rianimazione cardio-polmonare, che comprende compressioni toraciche e la ventilazione bocca a bocca. Questa operazione, se eseguita in modo corretto, aumenta notevolmente le possibilità di sopravvivenza per la persona in arresto cardiaco. Pertanto, grazie alla rianimazione cardio-polmonare è possibile garantire un corretto primo soccorso in caso di incidente stradale e salvare la vita alle vittime.

Per poter imparare queste manovre è necessario seguire dei corsi appositi. Molti di questi percorsi formativi insegnano anche ad usare il defibrillatore. L’Associazione U.R.E.P.A. è nata proprio con l’obiettivo di promuovere e diffondere una formazione specializzata sul territorio Nazionale. Tra i nostri corsi rientrano anche quelli che insegnano le tecniche di rianimazione cardio-polmonare.

Secondo noi tutti quanti dovrebbero conoscere queste manovre. Infatti, potrebbero essere usate in moltissime occasioni, non solo per il primo soccorso in caso di incidente stradale. Ogni volta potrebbero essere determinanti e aiutare una persona a vivere. Già da questo si capisce che questi corsi insegnano competenze importantissime, non siete d’accordo?

 

Registrati

Reset password